Lo stagista inaspettato
 

Litigi d'amore

Mixata al tono crepuscolare, la commedia sentimentale ha dato vita a un genere fertile che non smette di ispirare dai tempi di Voglia di tenerezza. Ma quando la patina rincuorante della lacrima consolatrice s'incrina integrandosi col dramma l'esperimento si fa meno sicuro, a rischio d'insuccesso strutturale o di botteghino.
Siccome il business impera e vuole la sua parte col box office, ecco uscire un'opera interessante come The Upside of Anger (letteralmente "Il lato superiore della rabbia") con la maldestra resa Litigi d'amore, nuovo esempio di banale traduzione tranquillizzante. Dietro cui si celano, però, i toni amari della rabbia e del risentimento.
La vita di Terry (Joan Allen) cade improvvisamente a pezzi di fronte alla scomparsa del marito, sparito senza una parola. Le quattro figlie, ormai alla soglia dell'età matura, ne sopportano gli sbalzi umorali cercando di capirla. Il disordinato vicino di casa Denny (Kevin Costner), ex campione di baseball, s'insinua con silenziosa insistenza nella sua vita fino a riuscire a entrare in sintonia piena con lei. La nuova storia d'amore procederà tesa e a volta insicura, gli alti e bassi nel rapporto di Terry con le figlie potreranno conseguenze incontrollate. Ma ancor più difficile da gestire sarà la rabbia che segue l'abbandono, il rancore che terrà una parte di Terry bloccata fino all'inattesa svolta finale.
Affidando la narrazione nelle sembianze di un flashback alla voce della minore delle quattro figlie di Terry (non a caso quella con cui il legame è più freddo e combattuto, interpretata da Evan Rachel Wood), il regista Mike Binder ha dato all'opera un tono di compiutezza maggiore, innescando un gioco che lascia vedere un punto d'arrivo senza però rivelarne le coordinate.
E via allora con pennellate ora d'efficace ironia ora di tensione graffiante, giù nella crisi della protagonista, dentro e fuori dai piccoli grandi drammi quotidiani di chi le ruota attorno. Un intrecciarsi di rapporti dall'essenza bifronte in cui condividere le insicurezze porta con sé il rischio di ferire l'altro.
Binder ritrae non solo i tortuosi percorsi intrecciati dei personaggi, ma anche lo scorrere del tempo attraverso le foglie che cadono, l'alternarsi delle stagioni che cambiano l'aspetto della casa e del giardino, assecondate dalle diverse luci della fotografia di Richard Greatrex (Shakespeare in Love). Un gusto naturalista che riprende - per somiglianza - quello già caro alla regista australiana Gillian Armstrong, che con il suo Piccole donne (un titolo a caso?) aveva fatto del mutare delle stagioni un efficacissimo strumento narrativo.
Lo sfumare della commedia nel drammatico, quel coesistere di toni che così bene s'alternano districandosi fra le anse di una storia carica ma sempre snella, è il vero merito di Litigi d'amore: la tragedia, che rifiuta l'annacquato percorso trasversale della lacrima silenziosa, é dura, ma organizzata per riempire spazi che non ingombrano, lasciando che la rabbia del titolo originale esploda, ma per contrasto carichi di tensione maggiore anche il lato ironico della storia (gli impacciati duetti amorosi iniziali, le piccole nevrosi di Terry).
Attente le prove di tutti gli interpreti, ma il film si costruisce soprattutto sulla bravura extra di Joan Allen, protagonista di prim'ordine cui basta un'occhiata per ribaltare il senso di un'inquadratura. Ora agile e autoironica, ora spigolosa e fredda, la Allen consegna al cinema una delle migliori prove della sua carriera, dando compiutezza a ogni sbalzo emotivo praticamente a vista.
E se lo spaccato di vita borghese U.S.A. può sembrare frutto di un'affettazione manieristica, la sceneggiatura interviene con curiosi giochi d'attesa (su tutti quello relativo al funerale con cui il film si apre. Sarà della figlia la cui salute pare vacillare? O del giovane amichetto troppo spericolato?). A riprova del fatto che per interessare può essere più che sufficiente cercare lo straordinario nell'ordinaria serie di sorprese della vita.


Alessandro Bizzotto

Litigi d'amore

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.