Lo stagista inaspettato
 

Seven Swords

Il rosso è quello del sangue e dei drappeggi di guerra. I Ching si sono insediati sul trono dell'impero cinese, un editto vieta le arti marziali in tutto il paese. Il generale Fire-Wind, a capo di un drappello di spietati guerrieri, semina il panico radendo al suolo i villaggi che non possono permettersi di pagare per essere risparmiati. Finchè un aguzzino pentito, scampato al patibolo, non organizzerà in uno dei pochi paesi ancora in piedi un mini esercito di sette valorosi, dotati di sette invincibili spade forgiate dal venerabile maestro della montagna. La lotta fra i perfidi militari e le sette spade sarà lunga e piena di svolte inattese.
Adattando il famoso romanzo Seven swords of Mount Heaven di Liang Yusheng, il regista di Hong Kong Tsui Hark mescola topos della tradizione orientale secondo criteri che si preoccupano soprattutto di restituire agli eventi quel senso di autentica originalità della fonte. Kolossal nell'allestimento scenico e nell'orchestrazione delle sequenze di guerra - per certi versi spina dorsale di un prodotto di 144 minuti -, Seven Swords ricostruisce con curata precisione un quadro non nostalgico, in cui il mito trova come appoggio il riferimento storico.
Il respiro epico di cui il regista ha scelto di dotare la pellicola è valso alla stessa l'onore di aprire, fuori concorso, la sessantaduesima Mostra del cinema di Venezia; un segnale, questo, che il messaggio è stato recepito. Il fascino che il film dovrebbe sprigionare (almeno per le platee occidentali) risiede in parte nell'elemento esotico in senso letterale, l'incanto che impregna il monumentalismo quando questo s'accompagna a fattori di diversità geografica. Del resto parte della filmografia orientale più intelligentemente raffinata è già riuscita a sdoganarsi. Ha spianato la strada un mago del grande schermo come Ang Lee, che ha portato La tigre e il dragone al trionfo degli Oscar; l'ha seguito Zhang Yimou con i suoi Hero e La foresta dei pugnali volanti.
La tradizione in cui Tsui Hark punta ad inserirsi è probabilmente quella, e la confezione di Seven Swords lascia poco di intentato. La colonna sonora di Kenji Kawai è evocativa e ricca di significato; la livida fotografia di Kwok-Man Keung e Venus Keung smorza e accende i colori in giochi di utili rimandi semantici. Ed è impeccabile la costruzione dei combattimenti - a due o di massa -, spezzate però (volutamente?) da un montaggio, opera di Angie Lam, che cuce inquadrature a raffica acuendo il senso di velocità reso dalle acrobazie ginniche.
La peculiarità culturale si spiega e tenta la strada dell'universalizzazione delle tematiche, cristallizzate nello scontro fra bene e male, riuscendo a fare del film un godibile prodotto d'intrattenimento intelligente; nel rilievo che le figure femminili assumono all'interno della vicenda, poi, Seven Swords pare quasi strizzare l'occhio al disneyano Mulan.
Ma Tsui Hark non è Zhang Yimou né Ang Lee. La spiritualità tipica del primo qui s'impolvera sotto il peso di posizioni fortemente ideologiche e di quadri psicologici meno fluidi (il guerriero tutto d'un pezzo, il saggio mistico, la ragazza forte poco avvezza al compromesso di comodo), che servono una narrazione bellica costruita con rispetto quasi mistico. E a questo elemento bellico manca l'esperta ed eclettica mano di Ang Lee. Il regista fa procedere il racconto per compartimenti stagni, con ellissi narrative e giochi di sottinteso talvolta spiazzanti. Sono scelte che, nell'abbinamento a una storia simile, rendono il risultato ostico per il gusto dello spettatore occidentale, non abituato a una narrativa già poco conosciuta e ferma sulle sue posizioni, poco propensa a venire incontro al suo pubblico ammorbidendo le linee di schemi novellistici piuttosto rigidi.
Della riflessione antropologica e sociologica resta così ben poco, compromessa com'è da quadri tanto ieratici e solenni; s'esprime in immagini metaforiche, come l'inquadratura d'apertura, un primo piano su una capra bianca in mezzo alla neve, che l'irregolare compressione spazio-temporale congela nel turbinio degli eventi e lì lascia. Una promessa che lo spettatore può solo cercare di leggere fra le righe.


Alessandro Bizzotto

Seven Swords

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.