Lo stagista inaspettato
 

Vita da strega

Per ridare vita alla famosa serie televisiva Vita da strega la Columbia ha pensato a due donne: Nora Ephron e Nicole Kidman. La prima, regista e sceneggiatrice, s'è più volte cimentata con la commedia sentimentale dai tempi di Insonnia d'amore, mettendo in scena il sentimento con il brio leggero della risata. La seconda è stata coinvolta già nella fase iniziale del progetto, sia per la pretesa somiglianza alla strega dell'originale Elizabeth Montgomery, sia per l'indiscusso talento eclettico che l'ha portata a misurarsi anche col comico oltre che con il dramma.
Già l'anno scorso la Kidman s'era messa in gioco con La donna perfetta di Frank Oz, vestendo i panni di una stressatissima manager d'acciaio che cerca di ritrovare se stessa e il rapporto con la famiglia in un idilliaco paese dove tutto è ordinato e davvero troppo perfetto. In Vita da strega Nicole è Isabel, una vera e propria strega che sta cercando di smettere con il soprannaturale per rifarsi una vita da comune mortale, affrontando i problemi di tutti i giorni quali montare un videoregistratore, non avere l'ombrello durante un temporale e disperarsi quando il vento mette in disordine i capelli. I suoi buoni sentimenti la portano ad conoscere Jack Wyatt (Will Ferrell), un attore in declino che tenta di rilanciare la sua carriera vestendo i panni del protagonista maschile in un remake televisivo proprio della sitcom Vita da strega. E indovinate chi viene scelta per il ruolo della protagonista Samantha...?
Il discorso metacinematografico senza impegno di fiction nella fiction è un buon punto di partenza che svecchia il materiale permettendo di giocarci con paradossi e nuove idee. Le gag, infatti, funzionano eccome, soprattutto nella prima mezz'ora quando illustrano i maldestri tentativi di Isabel nel rifiutarsi di usare la magia nella sua nuova vita normale. La Kidman fa faville spalleggiata da co-protagonisti validi, e sicuramente la bonaria spiritosaggine di Ferrell si fa apprezzare più del gigioneggiare di due vecche glorie come Michel Caine - comunque bravo nell'interpretare il padre-Casanova di Isabel - e Shirley MacLaine - tutta smorfie nei panni dell'attrice chiamata a interpretare il ruolo della madre di Samatha, Endora -. La spontanea caramellosità della protagonista è sempre accattivante, e riesce a rendere simpatica l'ingenua strega dal cuore tenero; ma per quanto brava, Nicole non trova in Isabel un personaggio con cui sorprendere. Vita da strega è completamente o quasi privo del mordente de La donna perfetta; la strega del primo non consente i giochi ironici che sul piano interpretativo rendevano irresistibile la protagonista del secondo. Nel film di Oz Nicole strappava l'applauso caricando la mimica fino a renderla pressochè isterica, giocava con la bellezza e con il look, prendeva in giro la perfezione prestandosi a un gioco che non risparmiava nessuno.
Vita da strega è essenzialmente troppo imbevuto di buonismo per rendere il sarcasmo penetrante. E nonostante in definitiva risulti godibilmente spensierato, si affida a una struttura drammaturgica fin troppo risaputa, con svolte tanto classicheggianti da apparire ovvie. Così, diviene scontato che l'adorabile strega e l'egocentrico attore finiranno per innamorarsi e che le differenze di vedute li porteranno a fraintendersi, e via di questo passo. Insomma, manca la vernice ambigua che ha reso la Kidman indimenticabile ne La donna perfetta: lì lo scherno graffiava perchè alla forma accompagnava la sostanza, qui invece le spumeggianti battute restano fini a se stesse, si perdono nella patina zuccherosa che lascia l'estroversione solo alla superficie (con la recitazione degli interpreti, ma anche con tutto il lavoro di ricostruzione scenica ispirato al serial originale e opera dello scenografo Neil Spisak).
Sarebbe potuto risultarne un inno alla convivenza dei poli opposti e all'accettazione dell'anomalia, ma la riflessione si stempera nell'imitazione del telefilm originale; e non tanto per l'impianto narrativo - ben riadattato -, ma per la ricerca della battuta immediata e leggera, della risata innocua, del bon ton retrò. Quello, ahinoi, rimane a tratti televisivo. Mentre il resto è pensato per il cinema.


Alessandro Bizzotto

Vita da strega

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.