Lo stagista inaspettato
 

Prime

Una paziente, la sua terapista, e un pittore di ventitre anni. Cosa lega queste tre figure? Più di quanto si immagini. E i rapporti non sono solo professionali. La paziente è Rafi (Uma Thurman), ha trentasette anni ed è in crisi post-divorzio. La terapista è Lisa (Meryl Streep), affermata dottoressa che cerca d'aiutare Rafi a superare le paure e le insicurezze. Il pittore, invece, è David (Bryan Greenberg), un giovane che non sa come inseguire il sogno di affermarsi da artista. Quando Rafi e David si incontrano, è passione a prima vista. La differenza d'età inquieta lei, ma non spaventa lui. Nel rapporto fra Rafi e Lisa c'è una confidenza che va oltre il contatto medico, così la prima ne parla alla seconda, tutto sembra prendere una piega positiva. Se non che David è figlio di Lisa, e Lisa si rivela essere una madre apprensiva e poco flessibile nell'accettare le scelte del ragazzo.
Scritto e diretto da Ben Younger (Boiler Room), questo Prime parte rapido cercando d'assestarsi su binari che attraversano la commedia veloce e brillante e la love story guardata da un'angolazione anomala, sia per l'ironia che colora il sentimentalismo, sia per il taglio adolescenziale che descrive il nuovo amore di una trentasettenne. Anziché prestarsi all'analisi più consapevole dei dubbi di Rafi (la donna adulta che si trova ad avere a che fare con un uomo molto più giovane), Younger porta Prime a specchiare la storia dall'altro lato, quello dell'innamoramento giovanile che prova a sdrammatizzare sugli ostacoli che la differenza d'età può portare in una relazione. Quanto sono insormontabili?
La risposta è tutt'altro che scontata, e il film va visto fino all'ultima scena per poter avere un puzzle completo degli eventi. E' tuttavia proprio quando la riflessione si fa seriosa, e gli inevitabili contrasti esplodono in modo più violento, che i meccanismi di Prime iniziano a cigolare, la tensione è a tratti stucchevole, le soluzioni peccano di banalità, e la rilettura della favola romantica in salsa agrodolce fatica a dotarsi d'incisività perdendo in attrattiva.
Il comico funziona, la risata è saporita e mai troppo grossolana. E buona parte del merito va senz'altro all'intesa creatasi nel duetto fra le protagoniste, che sanno mantenere divertiti i toni stando al gioco del regista senza preoccuparsi di essere comiche nelle fragilità dei personaggi. Le lodi al talento di Meryl Streep sono storia arcinota, sa prestarsi al ruolo con mimica e sguardi che da soli fanno la scena. Uma Thurman è fresca e divertita, mette da parte la resistenza psicologica del personaggio per farne in definitiva una buffa insicura. E insieme le due dive sanno riempire lo schermo in modo esilarante.
Resta da parte lo zuccheroso ora troppo meditato, ora quasi tragico. La materia sarebbe stata meglio giocata con coerenza d'intenti; accostare toni lontani è sempre stata un'impresa rischiosa, e la confezione ironica avrebbe probabilmente retto meglio il gioco a un pensare sussurrato nell'allusione, anziché piazzato a rallentare il ritmo fra una gag e l'altra.


Alessandro Bizzotto

Prime

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.