Lo stagista inaspettato
 

Gangs of New York

Martin Scorsese ha analizzato spesso i meccanismi che regolano le relazioni fra gruppi. A modo suo e con tutte le differenze del caso, anche con Gangs of New York svolge un'operazione già cara a Robert Altman. Ma mentre quest'ultimo ha sempre privilegiato i rapporti fra individui, lavorando a livello microsociologico, Scorsese adotta una visione macro: illustra le regole che la società costruita dai singoli impone e ha imposto loro.
Soprattutto per questo Gangs of New York può essere accostato a L'età dell'innocenza, il capolavoro che il regista italo-americano realizzò nel 1993, per formare un ideale dittico. Il sontuoso apologo in costume tratto dal romanzo di Edith Wharton scandagliava con lucida consapevolezza i ferrei dettami dell'etichetta nell'alta società borghese della New York del 1860, spietata con chi tentava di infrangerne le norme. Questo nuovo film, nato da un'idea di Jay Cocks (già co-sceneggiatore de L'età dell'innocenza e qui nelle stesse vesti insieme a Steven Zaillian e Kenneth Lonergan), ritrae con passione quasi documentaristica la struttura gerarchica e l'insieme dei ruoli dell'altra faccia della Grande Mela di due secoli fa: i sobborghi e i quartieri più poveri, che trovano efficace prototipo nel quartiere -oggi scomparso- di Five Points. E in questo caso la forma, il bon-ton che in L'età dell'innocenza rivestiva i rituali della tribù benestante, scompare, svelando tutta la cruda essenza di quelle leggi.
Sono trascorsi sedici anni da quando Amsterdam Vallon ha assistito alla morte di suo padre, capo del clan degli immigrati irlandesi, per mano del leader della fazione anti-immigrazione Bill "il macellaio" Cutting. Il motivo per cui torna a Five Points è la vendetta.
Ma anche le vicissitudini dei personaggi servono a Scorsese per aggiungere colore al suo grande quadro. A livello subliminale è New York con le sue lotte tra gang a emergere, svincolandosi dalla semplice funzione di scenario/sfondo. Sono al contrario i personaggi (Amsterdam, il macellaio, la borseggiatrice Jenny...) a servire soprattutto come dettagli della grande illustrazione, di cui sono parte perfettamente integrata, così come le singole persone danno vita al sistema sociale.
E la continuità con L'età dell'innocenza è sigillata anche dal ritorno sul set di Scorsese di Daniel Day-Lewis, che si cala con sorprendente mimetismo nelle vesti di Bill "il macellaio"; entrambi i suoi personaggi nei due film possiedono una consapevolezza perfetta delle regole di ingroup-outgroup, ma se Newland Archer (l'avvocato che interpreta nel film del'93) ne è in qualche modo vittima impotente, Bill ne è simbolo conservatore. E speculari sotto molti punti di vista sono anche la contessa Olenska di Michelle Pfeiffer, inesperta nella sua innocenza, e la Jenny di Cameron Diaz, cresciuta in un sistema che ben conosce e che non tenta di cambiare.
La potenza scenografica dell'intera opera ha soprattutto intenti di fedeltà storica. Dante Ferretti ha prodigiosamente ricostruito New York a Cinecittà (dove il film è stato interamente girato in 137 giorni di lavorazione) e la costumista Sandy Powell ha svolto numerose ricerche per allontanare gli abiti femminili dalla silhouette vittoriana e renderli più credibili.
E New York non abbandona mai il primo piano. Persino il disperato duello finale annega nel disordine dei "Draft Riots", gli scontri che infiammarono la città nel 1863 a seguito della chiamata alle armi obbligatoria istituita dal presidente Lincoln.
Forse è anche per questo che il coinvolgimento emotivo non risulta immediato. Ma uno sguardo di Scorsese ci dice più di mille scivoloni in fantasy ed effetti digitali.


Alessandro Bizzotto

Gangs of New York

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.