Lo stagista inaspettato
 

The Hours

Sono tanti i fili sottili che legano, al di là dello spazio e del tempo, tre giornate nella vita di tre donne.
Virginia Woolf, nella campagna londinese dei primi anni Venti, tenta di tenere a bada i demoni dei suoi disturbi psichici mentre in lei prende forma "Mrs Dalloway".
Laura Brown cerca disperatamente di non soccombere, soffocata dall'ordinarietà di una piatta esistenza come madre e moglie, aggrappandosi alla lettura di "Mrs Dalloway" nella Los Angeles degli anni Cinquanta.
Clarissa Vaughan, soprannominata "Signora Dalloway", sta organizzando con zelo meticoloso una festa per il suo amico e primo amore Richard, celebre poeta e romanziere malato di AIDS, nella New York del 2001.
Tre figure ideali nate dalla penna di Michael Cunningham, autore del romanzo omonimo vincitore del premio Pulitzer. Eppure terribilmente terrene. Immerse nella quotidianità del loro mondo, ma tormentate da disagi immateriali, o da paure impalpabili.
La messa in scena tratta con rispetto mistico i drammi interiori, lavorando in modo straordinario sulle pagine dense di emozioni di Cunningham e trasformando quei mondi psicologici in immagini vibranti e di bellezza eterea.
Lo sceneggiatore David Hare e il regista Stephen Daldry hanno svolto l'operazione senza mai far percepire il peso dei rimandi, depurando la resa filmica da allusioni pedanti, e senza deformare la storia, limitandosi semplicemente a rendere esplicite alcune tensioni psichiche, hanno fatto scorrere i pensieri delle tre figure femminili in un flusso mirabilmente armonico.
Il risultato è stupefacente. The Hours è intenso, forte, vividissimo nella sua portata drammatica, eppure orchestrato da una regia quasi invisibile. Daldry riempie di significati ogni inquadratura, utilizza una disciplina ferrea che nega i flashback per costruire i fatti solo attraverso le parole dei personaggi e crea una finissima rete di allusioni che saldano le tre storie in un solido continuum atemporale.
Una frase di "Mrs Dalloway" è pensata da Virginia, letta da Laura e pronunciata da Clarissa.
I tre risvegli al mattino sono congrui e sincronici.
Le uova che rompe la domestica di Virginia rimandano a quelle che rompe Clarissa.
L'acqua che sommerge Laura nell'unico momento onirico del film è la stessa del fiume in cui si getta Virginia.
I tre baci saffici si richiamano inevitabilmente.
Tre colonne sostengono The Hours. Meryl Streep (Clarissa), Julianne Moore (Laura) e Nicole Kidman (Virginia).
Meryl Streep crea magistralmente una Clarissa presa a interrogarsi sul senso delle sue relazioni, capace di raggomitolarsi in un angolo della cucina per piangere e di confessare alla giovane figlia i suoi dubbi più grandi.
Julianne Moore, splendida, colma i silenzi di tensione e infelicità implosa, concendendo al malessere di Laura lacrime silenziose, cogliendo l'essenza universale della sua tragedia umana in sguardi indimenticabili. Memorabile l'unico, furtivo pianto soffocato in cui esplode, brevissimo nella sua potenza, nei pochi passi che separano la casa della vicina cui affida il figlio e la sua automobile.
Nicole Kidman conserva dietro il trucco pesante e il naso finto il suo piglio impavido, la fierezza negli occhi mobili, quasi estranei al mondo, abbassando e spesso incrinando la voce in un gioco che, purtroppo, il doppiaggio italiano renderà impossibile apprezzare.
E la ricchissima colonna sonora di Philip Glass unisce ancor più le storie fra loro, anzichè separarle, smuovendo e trascinando le sensazioni attraverso l'uso di interi pezzi affidati al pianoforte. Ribadendo, ancora una volta, che molto può accomunare le ore che scorrono e quelle che devono ancora giungere.
La vita. La morte. L'amore.


Alessandro Bizzotto

The Hours

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.