Lo stagista inaspettato
 

La forza del passato

Una vita vissuta con un padre filofascista, quella del protagonista de La forza del passato.
Senza sorprese. Una moglie che ama, un figlio che adora e una soddisfacente professione come scrittore di libri per ragazzi. Fino a che, pochi giorni dopo la morte del padre, uno sconosciuto entra nella sua vita con una rivelazione sconvolgente che innescherà un processo di domande e inattese scoperte.
Dopo Tre storie e Guarda il cielo, Piergiorgio Gay torna per dirigere una storia sulla menzogna, l'identità e la conoscenza dell'altro, tratta da un romanzo di Sandro Veronesi. Il film, che ha diviso la critica all'ultima Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, rinuncia a implicazioni di carattere filosofico per mostrare come la vita possa essere rivoltata da un momento all'altro. Il passato affiora e condiziona il presente, il nostro essere e chi ci circonda.
La riflessione di Gay, in alcuni momenti, strizza quasi l'occhio a Pirandello e alle sue riflessioni sulla personalità, soprattutto nell'ultima parte del film; ma ciò che sembra stare a cuore al regista è il voler mostrare l'interdipendenza fra verità e menzogna, fra realtà e finzione. Niente è come davvero sembra: la nostra vita è reale, ma non conosciamo tutto ciò che ne fa parte.
E il film racconta tutto questo partendo da una posizione opposta a quella che ci si aspetterebbe. Scegliendo un approccio anti-documentaristico. In primis con le dimensioni sproporzionate (ma possibili) della scoperta che sta alla base della storia. E in secondo luogo con lo stile narrativo adottato. Per i flash-back che ritraggono il protagonista bambino e per gli squarci quasi onirici che mostrano il giovanissimo protagonista dei suoi romanzi è stato usato lo stesso attore; per le seconde sequenze la pellicola è stata investita di una luce arancione che, se aiuta lo spettatore a orientarsi, sortisce un effetto di straniamento che possiede un retrogusto soprannaturale.
Il regista lascia che la storia scorra senza forzature, evitando di rallentarla troppo con una sceneggiatura con pochi picchi (uno dei momenti clou si ha quando il protagonista si scatena sulle note della musica rock), ma senza cadute.
E il cast, guidato da un Bruno Ganz in piena forma, si dimostra all'altezza della situazione.


Alessandro Bizzotto

La forza del passato

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.