Lo stagista inaspettato
 

Il castello

Pur rifacendosi a interessanti strutture narrative già intraviste in Brubaker (dove Redford era protagonista) è “Le Ali della Libertà” questa pellicola diretta dal semi esordiente ROD LURIE (qui alla sua quarta opera dal 1998) non decolla mai. Resta la ridondante questione dei metodi carcerari tali da far pensare che i delinquenti siano altri, ma forse è proprio questo eccesso di demonizzazione a lasciare, alla fine, indifferente lo spettatore. Neanche gli stessi protagonisti da Gandolfini (lontano dagli standard da Real Bastard a cui è spesso abbonato) e un Redford sempre più ruga di se stesso rialzano le sorti, Goldsmith ci mette del suo con un commento musicale senza infamia n lode come la fotografia di Shelly Johnson (“Jurassic Park 3”) comunque adatta alle situazioni narrative.
Fabio Pirovano

Il castello

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.