Lo stagista inaspettato
 

Femme Fatale

Cambiano i protagonisti ma Il clichè depalmiano è sempre lo stesso, questa volta immerso in un gioco onirico (sottile dettaglio, ma importante, lo straripamento della vasca da bagno e quello dell'acquario) bellezza, perversione e un pizzico di realismo aiutato anche dalla splendida fotografia di Thierry Arbogast già fotografo per Luc Besson e dalle musiche importanti di Ryuichi Sakamoto.
Rebecca Romijn-Stamos è di una bellezza statuaria, forse non comparabile alle capacità recitative, mentre Antonio Banderas (divertentissimo in versione effemminata) come al solito si conferma bravo interprete nonostante la travolgente supremazia erotica femminile che trova la sua consacrazione nell'ormai storica sequenza del bacio lesbo fra la protagonista e un'altra danese esplosiva, Rie Rasmussen.
Un "noir" che ha la caratteristica di porsi di fronte a noi come un puzzle composto di tessere di grande stile che, alla fine, forse latita nella sostanza ma resta comunque da vedere.


Fabio Pirovano

Femme Fatale

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.