Lo stagista inaspettato
 

L'amore infedele-Unfaithful

Sul New York Observer, quando L'amore infedele-Unfaithful uscì nelle sale americane, Rex Reed scrisse: "Il pubblico all'anteprima cui ho assistito ha riso grossolanamente. Quanto a me, l'ho trovato imperfetto, ma affascinante". Questo nuovo film di Adrian Lyne può sembrare sì affascinante, nella sua patina di sexy-thriller, ma questa patina non riesce a nasconderne le mancanze.
La storia è uno spunto più che buono: un matrimonio felice, con una bella casa, un figlio e tanto affetto, quello fra Richard Gere e Diane Lane, che però dovrà subire la minaccia del fascino del giovane Olivier Martinez -con un pesante strascico di conseguenze-.
Ma Lyne tenta di rendere sottile e insinuante la sua regia, privandola così di efficacia e lasciandola debole e a tratti insicura. La sceneggiatura è quanto mai disorganica nella prima parte del film, piena di passaggi di imbarazzante innaturalezza, di incrinature e di forzature.
Se nitidi e ben delineati sono i ritratti dei due coniugi, svelati in tutte le loro fragilità -con un pianto di rabbia sorda e orgoglio ferito per lui e incontrollati fremiti e sbalzi d'umore per lei-, lo è di meno quello del giovane rivenditore di libri che mina la solidità della loro unione, in precario equilibrio fra il dongiovanni e il bohèmien intellettualoide.
E per quanto, procedendo, la storia si faccia più avvincente e sia meglio messa a fuoco, l'allusività rimane pesante e sfruttata in modo quasi ridicolo (in primis, l'inquadratura di un coltello da cucina durante il primo incontro fra il marito tradito Gere e l'amante Martinez) e il film non si risparmia qualche caduta in una retorica un po' ordinaria (le foto dei due amanti sono in bianco nero e non a colori, nonostante la vicenda si svolga nei giorni nostri, e via dicendo).
L'articolo di Reed sul New York Observer, però, diceva anche altro. "All'interpretazione di Diane Lane non manca nulla di miracoloso. Matura, intrepida, sexy e luminosa, è un'attrice d'emozionante splendore." Gli ha fatto eco Stephen Holden, che dal New York Times declamava: "La signora Lane trova in Connie il ruolo della sua carriera, e la sua indelebile (e in definitiva armoniosa) interpretazione è al contempo archetipica e minuziosamente particolareggiata."
Ed effettivamente la prova di Diane Lane, magnetica e tormentata nel ruolo di Connie (l'infedele del titolo), è quanto di meglio il film possa offrire.


Alessandro Bizzotto

L'amore infedele-Unfaithful

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.