Lo stagista inaspettato
 

The Quiet American

Dopo Il santo e Il collezionista di ossa, Phillip Noyce cambia rotta trovando ispirazione in Graham Greene. The Quiet American è basato sull'omonimo romanzo del celebre autore di Berkhampstead, pubblicato nel 1955, e abbandona (in parte) l'action e il thriller per una storia più insinuante. Amore e politica s'incontrano nella Saigon del 1952, dove vengono a conoscersi quasi per caso il giornalista inglese Thomas Fowler (Michael Caine) e un cooperante americano, Pyle, giovane e idealista (Brendan Fraser). A incrinare la loro amicizia non saranno solo visioni politiche differenti, ma anche una comune passione: quella per la giovane amante di Thomas, Phuong (Do Thi Hai Yen).
Il lavoro di Noyce e degli sceneggiatori Christopher Hampton e Robert Schenkkan sembra voler dosare con misura la spy story e il dramma sentimental-esistenziale; e il film fa vivere in contemporanea la tormentata storia del triangolo amoroso e la scoperta di un intrigo nascosto, facendole però correre su binari separati, lasciando che s'incrocino, ma non che s'intreccino in modo solido.
La componente che in The Quiet American appare più sacrificata è quella emozionale. Quel senso di disagio, solitudine, dolore latente che vena le storie di Graham Greene si trova schiacciato fra una regia molto attenta al calligrafismo elegante e il palesarsi del complotto politico.
L'approccio di Noyce è diverso, anche se non opposto, a quello adottato da Neil Jordan, che rileggendo Fine di una storia di Greene nel 1999 ha realizzato - osiamo - un capolavoro. Dove Jordan metteva in scena l'invisibile delle passioni inconsce, dei desideri nascosti, Noyce vuole rendere visibili gelosia e rabbia, sentimenti più noti e terreni, sfruttando soprattutto la recitazione dei suoi attori. Se il film di Jordan si tendeva nello sforzo di far percepire una tragedia profonda, trascendentale nel suo chiamare in causa i dubbi sull'esistenza di Dio, The Quiet American, forse pagando il dazio alla decisione di dar perso alla componente spettacolare, mostra più che alludere, impoverendo il livello sentimentale della narrazione.
Tuttavia, il film si regge sul lavoro di un regista di mestiere consumato, anche se nella sua sottigliezza i più critici potranno scovare uno stile piatto. La macchina da presa si fa mobile nel seguire i personaggi; una fotografia ora tersa ora cupa accompagna le svolte dell'intreccio; e se oltre all'enfasi manca anche la nota davvero toccante, il film non rinuncia a quella vena di tensione che insaporisce uno spettacolo pressochè impeccabile.
Poichè nessuno è come sembra, è la solitudine l'unica possibile condizione? L'amore lascerà spazio alla redenzione?
Apprezzabile la prova di tutti gli interpreti. Se Brendan Fraser, un po' ingessato, riesce a reggere il confronto con Michael Caine, è messa in ombra dai due protagonisti la giovane Do Thi Hai Yen, che pronuncia brevi batture con poca convinzione.


Alessandro Bizzotto

The Quiet American

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.