Lo stagista inaspettato
 

Tattoo

Girato in formato anamorfico 2.35:1 con ARRIFLEX 535 b su pellicola Fuji,con eccellenti ed interessanti risulatati, questo thriller made in Germany diretto da Robert Schwentkez lascia con il fiato sospeso fino all'ultimo; ricreando situazioni spesso già incontrate nei precedenti del genere.
Alcuni primi piani di una bellissima Nadeshda Brennicke (Maya) sembrano riportare al Dario Argento degli anni '80 mentre la storia si sviluppa ricordando, per ambientazione, scene forti e fotografian (Jan Fehse), Seven di David Fincher. Alla fine però ci si deve accontentare di un finale salvato in extremis da una sequenza sui titoli di coda, che rende meno amara la già intricata e confusa vicenda.


Fabio Pirovano

Tattoo

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.