Lo stagista inaspettato
 

L'acchiappasogni

Da un film che parte piuttosto bene, con quei titoli di testa così poeticamente sinistri, paesaggi montani innevati che si deformano trasformandosi nelle maglie della rete di un acchiappasogni, non ci si aspetta una caduta così rumorosa.
A L'acchiappasogni giova la prima mezz'ora, criptica e insinuante, sfumata di presagi paranormali e silenzi innaturali, con momenti di piacevole puro appagamento visivo (la neve sui pini montani, la sovrannaturale parata degli animali dei boschi davanti alla casa dei protagonisti).
Ma con l'entrata nel vivo della vicenda, un'invasione aliena dipinta con tratti improbabili, il tutto scade nell'azione più trita che degenera quasi nel comico (uno dei protagonisti comunica telepaticamente usando una pistola appartenuta a John Wayne come cornetta del telefono!!!).
La storia degli alieni diventa un'involontaria scimmiottatura di X-Files, la brutta copia di Alien associata a momenti che sembrano presi dal peggior filone demenziale, e la lotta contro il tempo per fermare le malvagie creature dello spazio si gonfia e deforma assomigliando a uno splatter, a un finto horror di serie B.
La sceneggiatura è di una banalità imbarazzante, zeppa di affossamenti, e in tanta confusione passa inosservata anche la prova di Morgan Freeman nel ruolo di un paranoico generale dispotico, inaspettatamente monoespressivo.
Non ce n'era bisogno. La parodia dell'attacco alieno è stata tentata con maggior successo da Tim Burton con Mars Attacks! e da Ivan Reitman con Evolution, sorretti da uno spirito più genuino e da prove d'attori più corpose (un istrionico Jack Nicholson e due autoironiche Glenn Close e Annette Bening per il primo, un David Duchovny che fa il verso ai suoi personaggi e una Julianne Moore goffa ma sempre sexy per il secondo). E l'inquietudine per presenze non terrestri ha già trovato immagini efficaci in Signs di M. Night Shyamalan.


Alessandro Bizzotto

L'acchiappasogni

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.