Lo stagista inaspettato
 

Triplo gioco

Neil Jordan rilegge Jean-Pierre Melville. Con Triplo gioco (The Good Thief), il regista de La moglie del soldato e Intervista col vampiro dà nuovamente vita e vigore alla storia di "Bob il giocatore". Quella di Bob, ladro ormai avanti negli anni, idealista, disincantato, ma che tende ancora a difendere le cause quasi perse e s'è fatto amico del commissario che più di una volta l'ha spedito al fresco. Stanco (e appagato?) dalla sua carriera, Bob è sempre più intenzionato a scivolare nell'ombra di una routine da condividere con l'eroina -da cui non riesce a liberarsi-; ma due eventi ricondizionano i suoi progetti. L'aiuto a una giovanissima ragazza dell'est, che Bob sottrae alla strada per mostrarle la via di una vita migliore, e la proposta di un colpo clamoroso: svaligiare l'inespugnabile Casinò di Montecarlo, alleggerendolo di una celeberrima collezione di dipinti, e farlo fingendo di mirare invece alla ricca cassaforte.
Cineasta di razza ed eccellente narratore, Neil Jordan racconta come sempre a modo suo, qui più che mai senza tentare di sedurre lo spettatore. Così come, del resto, ha sempre fatto.
Persino con Fine di una storia (probabilmente il suo miglior film). Raccontava l'amore impossibile con i toni mistici e poetici di un'epopea, ma senza furbe scorciatoie. Lì sprigionavano fascino musiche, fotografia e un duetto d'attori mai così ben calibrato (Ralph Fiennes e Julianne Moore). Triplo gioco, invece, non ha una colonna sonora memorabile, nè una -pur buona- fotografia da premio.
Sono i toni e i modi con cui le storie s'incastrano e la fluidità inaspettata di una vicenda bifronte l'appiglio solido del film. Che, onestamente, disorienta nel suo incipit così poco usuale, per nulla tipico, ibrido fra toni e generi quasi stonato. L'elemento disadorno fino all'eccesso, quasi mai frequentato dalla tradizione cinefila americana. Le atmosfere squallide che ammiccano al noir, ma che non ne hanno la patina ambiguamente seducente. La componente brusca dello spionaggio, anche se Triplo gioco non condivide quasi nulla con il genere.
Ma non è una stonatura inconsapevole, l'effetto di un freno tirato troppo tardi. E' sempre Jordan che si diverte abbozzando particolari diversi prima di passare al soggetto principale. E che, una volta entrato nel vivo della vicenda, non vuole o non riesce a fare a meno di uno stile vagamente insinuante, certamente non convenzionale. Si concede adesioni tese al malessere del protagonista (la crisi dovuta all'astinenza da eroina che s'impone per tornare lucido in vista del colpo, messa in scena con inquadrature ravvicinate e claustrofobiche al viso sudato), una panoramica del piano di furto degna dell'azione più nota e pochi momenti lucidati dal glamour del Casinò. Senza rinunciare a un'impronta insolita: brevissimi fermo immagine che chiudono la maggior parte delle scene. Come se i fatti si fermassero nella loro corsa piena di foga. Come se l'incedere degli eventi obbligasse a una pausa, a quei pochi secondi per riprendere fiato.
Nel tono ora teso ora più sciolto che, avvicinandosi al finale, sfiora a malapena la brillantezza -stavolta europea-, la sceneggiatura firmata dallo stesso regista evita tanto le domande etiche (quanto è lecito fare un eroe di questo malinconico signore, un gentiluomo, ma pur sempre un ladro?) che le lungaggini sentimentali (attorno alla ragazza redenta), affidando il ruolo principale a un ruvido e assai bravo Nick Nolte e tenendo un piccolo ruolo, non accreditato nei titoli, per Ralph Fiennes, che in un'amichevole partecipazione nel ruolo di uno spietato ricettatore d'opere d'arte regala attimi di somma arte interpretativa.
In coda, un finale ad effetto non troppo marcato, essenza opposta di quell'inizio fuorviante, per una sorta di Ocean's Eleven all'europea, più raffinato, molto più consapevole.


Alessandro Bizzotto

Triplo gioco

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.