Lo stagista inaspettato
 

Le Divorce

"Le divorce" ('il divorzio' nella lingua madre di Parigi) è quello fra Roxeanne de Persand e il fedifrago marito francese Charles-Henry. Quando lui la lascia all'inizio della gravidanza, la separazione - con i suoi processi legali - coinvolgerà le famiglie dei due coniugi in un complesso intreccio di rapporti che vedranno confrontarsi lo spirito americano (incarnato dall'intraprendente sorella di Roxeanne, Isabel) e la cultura francese.
Le Divorce è nato dall'amore di James Ivory per il romanzo omonimo di Diane Johnson. "E' una storia di rapporti umani sullo sfondo dello scontro fra due culture", ha dichiarato il regista.
Tant'è che il film mette a tema proprio questo incontro/scontro, la cultura americana davanti a quella francese.
Non deve trarre in inganno l'ambientazione moderna (Parigi, giorni nostri), cui Ivory può sembrare poco avvezzo dopo una lunga serie di adattamenti letterari, da Maurice a Camera con vista a Casa Howard; del resto il regista ha già realizzato La figlia di un soldato non piange mai, un dramma non in costume. E non bisogna dar credito all'aria da commedia leggera cui l'accorto lancio della pellicola può far pensare.
Innanzitutto qui c'è sempre un romanzo alla base; e Ivory sembra ricordarcelo, quando sfoglia le immagini come fossero pagine di un libro, nel passaggio da una scena all'altra. E, cosa forse più importante, con Le Divorce l'autore conferma di essere il regista moderno che più di ogni altro ha fatto convivere la cinematografia americana e il gusto europeo. Ma la strategia è nuova in questo caso: qui Ivory non porta al pubblico americano storie europee, facendole distribuire da case U.S.A.; mette direttamente in scena un punto di contatto fra due mondi, studiandone analogie e differenze profonde.
Sotto questo punto di vista, la storia (e il suo tono meno impegnato del solito) è perfettamente funzionale a un'analisi già propria di diverse scuole sociologiche: può sembrare un esperimento sul campo, non troppo diverso da quelli di psicologia sociale o studi simili. E anche se è necessario tener presente tutte le differenze del caso (Ivory è un cineasta che ha sempre saputo trattare la sua materia con sottile ironia), il paragone non mette fuori strada.
Le Divorce si apre con dei titoli di testa che sono quanto di più tipicamente parigino si possa immaginare: disegni moderni di cibi e abiti francesi accompagnano i credits in perfetto stile franco-europeo. Eppure lo sguardo rimane esterno: non sono titoli francesi elaborati da un francese, ma titoli francesi elaborati da un americano. Ivory inizia subito a giocare con gli stereotipi in modo non stereotipato, sfruttandoli non solo per produrre humour, ma anche per aggiungere tasselli al suo mosaico. Spesso in Le Divorce americani e francesi si muovono critiche basate su inferenze tipiche del sentito dire; i francesi ripetono costantemente: "Ma certo" anche per le cose meno ovvie; gli americani non hanno il senso dell'occasione; e via dicendo.
Sono stoccate caustiche, ma addolcite da un procedimento narrativo originale, per nulla scontato.
Le critiche alla cultura francese sono fatte apertamente attraverso il filtro dell'occhio americano, che non può non notarne difetti e manierismi. Eppure, questo non vuol dire che l'indole e i costumi statunitensi attraversino il film a testa alta uscendone indenni. La satira invisibile e discreta tipica del tocco Merchant/Ivory (la casa di produzione del regista) li non risparmia.
Il gioco è sottile: i biasimi aperti provengono da francesi già poco simpatici (come la madre di Charles-Henry), è vero; ma ad Ivory non servono battute pungenti. Gli basta osservare, seguire gli americani con la macchina da presa; e il loro lato meno perfetto emerge spontaneamente.
La stessa Isabel, che dovrebbe passare per la solare e genuina protagonista di Le Divorce, non ne esce certo come una figura irreprensibile; è leggera, a tratti sconsiderata, la ragazza che sfoggia una costosissima borsa Kelly (così chiamata perché cara a Grace di Monaco) anche nelle occasioni meno adatte. E neppure la sua americanissima famiglia è un modello di savoir-faire. Sua madre Margeeve è una gran brava persona, certo, ma facilona, spesso poco assennata, facile agli slanci. Suo fratello Thomas troppo interessato al risvolto finanziario del divorzio di Roxeanne.
Chi resta, allora, a salvarsi e fare da ponte fra i due mondi? Roxeanne, la moglie abbandonata che supera il suo dolore grazie al tempo e a un nuovo amore. Sintesi fra l'America (dov'è nata) e la Francia (dove vive), conserva un equilibrato distacco, una lucida consapevolezza delle due culture cui appartiene e delle loro differenze. Posta davanti a una prova difficile - la condizione di madre abbandonata all'inizio di una nuova gravidanza -, Roxeanne sa analizzare il contrasto fra la sua famiglia e quella dei Persand ristabilendo il peso delle priorità (la separazione è cosa ben più grave ai suoi occhi dei dissidi fra congiunti) e impiegando in modo personale una conoscenza completa di entrambi gli universi valoriali.
Un ruolo esaltato dalla splendida interpretazione di Naomi Watts, in grado di regalarci attimi di autentica commozione anche in un contesto leggero. Contraltare dei sorrisetti di Kate Hudson (che veste i panni di Isabel), la Watts riempie Roxeanne di cristallina passione e di malinconia negli sguardi velati di lacrime, virando poi nel finale verso una brillantezza tanto inattesa quanto delicata. Da antologia la scena in cui reagisce con colpi di borsa alle proposte del tradito Matthew Modine, abbandonato dalla compagna che ora vive con l'ex-marito di Roxeanne.
Ivory è ringiovanito? Ivory non è mai stato vecchio.


Alessandro Bizzotto

Le Divorce

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.