Lo stagista inaspettato
 

L'ultima alba

Con L'ultima alba, il regista Antoine Fuqua mette in scena un'operazione che è sotto molti aspetti opposta a quella del precedente Training Day. Lì poneva una lente d'ingrandimento su un'incrinatura, mostrando una falla nel sistema americano (la corruzione all'interno del corpo di polizia). Qui celebra invece l'integrità e il coraggio dei militari statunitensi, dipingendo di colori eroici gli interventi americani in paesi di guerra.
La guerra in questione è quella civile che squassa la Nigeria, caduta nelle mani di una dittatura militare che ha posto fine al precedente governo democratico. Il tenente Waters (Bruce Willis), a capo di una squadra di soldati specialisti, viene incaricato di penetrare nel cuore del paese per recuperare la dottoressa Lena Kendricks (Monica Bellucci), che presta soccorso in una missione cattolica. Ma la fiera dottoressa, testarda e cocciuta, accetterà di lasciare la Nigeria a una condizione: con lei dovranno essere tratti in salvo anche gli abitanti del villaggio. Inizia qui il coraggioso attraversamento delle selve dell'Africa nera (i due elicotteri a disposizione bastano a mala pena per trasportare gli anziani e i feriti), un cammino che si rivela presto cosparso di insidiosi pericoli...
Soli e lune sorgono e tramontano riempiendo lo schermo, la rigogliosa flora africana qua e là si mostra come in un reportage del National Geographic, qualche esemplare faunistico fa capolino. Niente di nuovo, ad eccezione della retorica. L'allegoria naturalistica è già riuscita (e decisamente bene) a Terrence Malik ne La sottile linea rossa, film a cui L'ultima alba sembra ammiccare in più passaggi. E nemmeno salva il film lo spirito patriottico, che glorifica la prodezza delle forze armate in un trionfo di banalità - forse non è nemmeno il momento migliore per farlo -. Se nel piatto e banale Training Day accorpava una serie di figure risapute per avere il quadro d'insieme, in modo altrettanto inerte il regista lucida una placca che di nuovo non ha molto. Fuqua vuole strafare, chiudendo il film con un'inutile chiosa moralistica che, in modo ridondante, insegna all'ingenuo spettatore che i cattivi trionfano se i buoni non combattono.
Rimane la guerra. L'ultima alba è o resta un film di guerra, meglio di guerriglia. Oltre a La sottile linea rossa, i riferimenti più immediati sono Tigerland di Joel Schumacher, We Were Soldiers si Randall Wallace e il Soldato Ryan di spielberghiana memoria, anche se i puristi fan del regista di Schindler's List non potranno che scandalizzarsi davanti a un simile accostamento.
Ne L'ultima alba, in realtà, la guerra non è male orchestrata. Tuttavia, la maggior parte delle sequenze sono percorse da un tono sovraeccitato che rende la pellicola difficile da digerire sul momento. Abbiamo le concitate azioni contro i drappelli di soldati del regime che disseminano orrori, tanto rapide e fredde da essere difficili da seguire; la viscerale interpretazione di Monica Bellucci (rallegriamoci almeno di una cosa: finalmente una nostra attrice a Hollywood non interpreta un'italiana); e soprattutto una presentazione degli schieramenti tracciata troppo nettamente, con dei cattivi così ferocemente cattivi.
Significative, anche se poco sfruttate, le musiche di Hans Zimmer, che omaggia se stesso ispirandosi ora alla partitura de Il gladiatore ora a quella della già citata Sottile linea rossa.


Alessandro Bizzotto

L'ultima alba

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.