Lo stagista inaspettato
 

Laws of Attraction - Matrimonio in appello

Audrey Woods (Julianne Moore) è un avvocato divorzista di grido: bella ed elegante, piena di scrupolo nell'applicazione della legge, porta avanti una carriera brillante. Seria professionista, legale d'acciaio, single in apparenza di ghiaccio antitesi della vanesia mamma (Frances Fisher) tutta lifting, palestre e beveroni dietetici. Ad incrinarne la sicurezza, sia in aula che nella vita, sarà l'incontro/scontro con il collega Daniel Rafferty (Pierce Brosnan).
Altro brillante divorzista che sotto la facciata pigra e distratta nasconde la stessa stoffa di Audrey. E la medesima abitudine: quella di non perdere le cause.
Apice della loro guerriglia legale, fatta di schermaglie amorose ora tenere ora pungenti, é la causa di divorzio fra il celebre cantante rock Thorne Jamison (Michael Sheen) e sua moglie Serena (Parker Posey), stilista a un passo dall'isteria ("Stracci i miei vestiti??? Vallo a dire a Nicole Kidman quando ne ha indossato uno per la notte degli Oscar...!"). Al centro della contesa, un castello in Irlanda che entrambi i coniugi in rotta rivendicano. Costretti a recarvisi per raccogliere separatamente le testimonianze del personale, Audrey e Daniel si trovano trascinati dalla loro reciproca attrazione in una situazione imprevedibile e imprevista: dopo una notte di festeggiamenti, in occasione di una ricorrenza tradizionale irlandese, si risvegliano marito e moglie. Il ritorno a New York li costringerà ad affrontare sia la causa di divorzio fra le due star che il loro rapporto e lo status di coniugi. Quel matrimonio è la pazzia di un momento o un'unione destinata a durare?
Dopo aver diretto Gwyneth Paltrow nel doppio ruolo di Sliding Doors, Peter Howitt torna alla commedia lasciando da parte le disquisizioni esistenziali per raccontare quella che è sia una stravagante storia d'amore che un pastiche divertito. La sceneggiatura di Aline Brosh McKenna e Robert Harling, infatti, sembra nascere come divertissement per gli autori stessi, esaurire quasi la vena accattivante nel nascere e rimanere sterilmente infarcita di luoghi comuni nella messa in scena. Il regista cerca di sfruttare le possibilità della storia amplificandone l'umorismo, con una tecnica briosa e uno stile che guarda più al diversivo che al calligrafismo. Ma non sempre i risultati salvano Laws of Attraction dalla banalità - ahinoi - meno raffinata (colpevole forse anche il poco fantasioso sottotitolo "Matrimonio in appello", che richiama il più simpatico doppio senso del titolo originale in cui le "leggi", laws, sono sia quelle dell'attrazione, attraction, che ovviamente quelle di cui si occupano per professione gli avvocati). Tristemente e purtroppo inutilmente ripetitiva la battuta finale dell'autista, per fare solo un esempio, che richiama l'ossessione di Audrey per gli annunci delle previsioni meteo.
Eppure intenzioni e premesse non sono malvage. Howitt ha già dimostrato - e continua a farlo - di sapersi destreggiare fra le righe del sentimentale in più di un'occasione. E, a proposito, in Laws of Attraction è soprattutto la significativa colonna sonora di Edward Shearmur, che arrangia più di un tema modellandosi costantemente sui cambiamenti di location, a sostenere gli snodi del racconto e a portar loro animo.
L'omaggio alla commedia rosa di cinquant'anni fa, l'ironica malizia che sembra strizzare l'occhio a La costola di Adamo di George Cuckor (1949, allora i legali erano interpretati niente meno che da Katharine Hepburn e Spencer Tracy) riesce solo in parte. E' purtroppo il peccato di inerzia degli sceneggiatori che affossa e appiattisce un film che avrebbe potuto dare di più. E non si possono incolpare i due protagonisti per la scarsa inventiva con cui vengono messe a fuoco diverse situazioni.
Pierce Brosnan dimostra di trovarsi a suo agio in panni stile "letto sfatto", gongolandosi prima e scattando poi in un'altalena di toni che sempre ruotano attorno alla figura del seduttore sopra gli anta, tratto mal marcato di un personaggio che impedisce all'attore di brillare.
Julianne Moore è di una bellezza sempre più luminosa, e nonostante i numerosi ruoli drammatici ha dato prova di eclettismo affrontando la commedia in più di un'occasione, come La fortuna di Cookie di Altman e in Un marito ideale di Parker. "Era fondamentale avere un'attrice dotata non solo di talento e carisma, ma che fosse anche capace di esprimere comicità ed emozioni", ha dichiarato il produttore David T. Friendly. Ma è un peccato vedere un talento come il suo sciupato in un ruolo che spesso sconfina nella macchietta, per un'interpretazione sempre valida, ma che soffre di trovate poco ingegnose. Eppure a penalizzare ancor di più il personaggio - qui gli autori non hanno colpa - è il pessimo doppiaggio italiano diretto da Fiamma Izzo, che mette da parte le abituali voci italiane della Moore per affidare l'incarico di doppiarla alla sorella Rossella; un lavoro inadeguato che rende la recitazione di Julianne (nota per la voce calda e le inflessioni profonde) pressochè irriconoscibile.
Se non altro, Moore e Brosnan rendono meno rozzo l'uso degli stereotipi, che si concentrano comunque soprattutto nei ritratti di contorno. Tuttavia, la poca inventiva con cui le figure più risapute vengono trattate appesantisce parecchio Laws of Attraction, vittima della stanchezza con cui i toni comici sono creati e accostati a quelli romantici.


Alessandro Bizzotto

Laws of Attraction - Matrimonio in appello

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.