Lo stagista inaspettato
 

50 volte il primo bacio

Henry (Adam Sandler) è un veterinario che si occupa di animali marini presso il Sea Life Park alle Hawaii, alternando l'attività professionale a quella di impunito sciupafemmine. Ma conoscere casualmente Lucy (Drew Barrymore), durante la colazione a una tavola calda, sembra l'inizio della sua conversione a fedele e romantico innamorato. E' un colpo di fulmine: Henry non riesce a smettere di pensarla, sognandola perfino quando sviene, colpito alla testa da una palla da golf. C'è solo un problema: la memoria di Lucy è terribilmente a breve termine. Scampata a un tremendo incidente d'auto, ha riportato lesioni che non ne hanno compromesso l'attività cerebrale, ma ne azzerano il ricordo ogni notte con il sonno: Lucy si sveglia tutte le mattine convinta che sia sempre lo stesso giorno. E poichè il giorno dell'incidente era il compleanno del padre, la sua famiglia (il genitore festeggiato e l'insicuro fratello palestrato e imbranato) è costretta a ripetere esattamente il medesimo rituale senza vacanza: stessa copia dello stesso giornale, preparazione la tradizionale torta all'ananas, festeggiamento serale con visione della vhs de Il sesto senso - il regalo di Lucy -, pittura con vernice bianca del murales che la ragazza dipinge ogni giorno in garage.
La scoperta lascia Henry stordito. Dapprima escogiterà una serie di espedienti per incontrare e conoscere nuovamente Lucy ogni mattina, poi si ostinerà a cercare una via d'uscita al soffocante circolo vizioso. Ma i problemi non finiranno certo con l'uso di speciali vhs informative che procurano a Lucy un mezzo trauma ogni mattina: dopo averla messa davanti al fatto compiuto, per Henry si presenterà costantemente l'onere di corteggiarla come fosse il primo giorno.
La storia e diverse caratterizzazioni fanno acqua da tutte le parti, e il regista Peter Segal non salva certo 50 volte il primo bacio dall'acquitrino della commedia che tocca in più punti il demenziale, cercando la risata facile, e spesso poco raffinata, anche quando come sfondo c'è un'improbabile favola romantica; sono tremendi i ritratti degli assistenti di Henry, piatti e volgarotti alcuni espliciti scambi di battute a contenuto erotico, francamente disgustoso il rigurgito di un elefante marino che dovrebbe costituire un picco di sfrenata ilarità.
La solare Drew Barrymore è carina e simpatica e anche piena di buone intenzioni, ma non sembra ancora decisa a prendersi definitivamente sul serio cercando personaggi in grado di valorizzare la sua vena eclettica. La farsa della conquista giornaliera non regge il gioco e stenta a trasformarsi in love story che va oltre la scapestrata trovata di autori in cerca di un singolare aggiornamento al topos della spietata freccia di Cupido. La storia prosegue così ora ignorando, per chiare necessità narrative, uno dei presupposti base del film, ovvero il difetto mnemonico di Lucy (la sua storia con Henry si evolve secondo le tradizionali tappe del normale rapporto di coppia, e dopo un po' la scioccante scoperta ogni mattina diventa quasi routine per la ragazza), ora provando a prendere sul serio lo strampalato materiale con la pretesa di creare un'ombra di ansia drammatica nel preludio al prevedibilissimo happy end.
Ma una maggiore coerenza avrebbe giovato a tutto 50 volte il primo bacio quanto un'equilibrata misura nel maneggiare una storia che - essendo bizzarra e stravagante di natura - diventa troppo sciocca, spesso troppo umoristica, per generare interesse e partecipazione. I toni sono qua e là sovraeccitati in modo infantile (il pianto disperato di Henry in partenza prima dell'epilogo, così volutamente affettato da essere scioccamente pedestre, o la presentazione dei pazienti di una clinica per lesioni cerebrali che colpiscono la memoria), e per quanto in alcuni passaggi il film possa risultare godibile il risultato è tutt'altro che memorabile.


Alessandro Bizzotto

50 volte il primo bacio

Vai alla scheda del film

home news Ciak! Si gira... interviste festival schede film recensioni fotogallery vignette link scrivici ringraziamenti credits

Settimanale di informazione cinematografica - Direttore responsabile: Ottavia Da Re
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Venezia n. 1514/05 del 28 luglio 2005
Copyright © www.quellicheilcinema.com. Tutti i diritti sui testi e sulle immagini sono riservati - All rights reserved.